Riccione (Rn) . Trc, ecco le tre varianti di Riccione. NQ di Rimini

Nuovo Quotidiano di Rimini: RICCIONE – Il sindaco Tosi ha presentato le tre varianti all’attuale progetto chiedendo la convocazione urgente di un nuovo Tavolo di coordinamento / Ecco le alternative al Trc / La prima, quella più auspicabile, prevede l’implementazione dell’infrastruttura viaria litoranea / Dal Marano alle Terme in 7 minuti e mezzo. Il tutto permetterebbe un risparmio di 7-8 milioni di euro

RICCIONE – Tre progetti alternativi che, oltre a consentire un risparmio stimato in 7-8 milioni di euro (più ulteriori 1,5 milioni di sottoservizi) eviterebbero di “deturpare” il territorio riccionese (con ponti, sopraelevate e altre opere complementari) garantendo, al contempo, la piena funzionalità dei collegamenti previsti dal Trasporto Rapido Costiero. Questo, in sintesi, l’obiettivo delle varianti presentate ieri dal sindaco di Riccione, Renata Tosi, decisa a proseguire la propria battaglia contro quella che continua a definire un’opera inutile, inattuale, costosa e dal forte impatto ambientale per la città. (…) La prima, quella più auspicabile, prevede l’implementazione dell’infrastruttura viaria litoranea dove attualmente corre la linea 11. All’altezza della fermata “Angeloni”, la prima in territorio riccionese, dei maxi-bus gommati (lunghi 18 metri e mezzo) entrano in sede promiscua dirigendosi verso mare, attraverso un sottopasso alto 3,9 metri. Arrivati in zona Marano verrà individuata la prima fermata capace di servire tutta l’area delle Colonie, per poi proseguire nella nuova sede completamente liberata dal traffico longitudinale fino alle Terme. Tempo stimato di percorrenza, dal Marano alle Terme, 7minuti e mezzo. (…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy