Rimini: Comune e Provincia incontrano i rappresentanti dei frontalieri

Lo stato della trattativa in corso che coinvolge oltre 6.000 lavoratori frontalieri della provincia di Rimini verso la Repubblica di San Marino è stato oggetto, ieri mattina in Residenza comunale, di un incontro con la delegazione dei rappresentanti del Consiglio sindacale interregionale (Csir), del coordinamento dei frontalieri.

Presente anche, in rappresentanza di Cgil Cisl Uil nazionali, Claudio Pozzetto.

Numerose e complesse sono infatti le problematiche che investono i lavoratori frontalieri, che hanno portato Comune e Provincia di Rimini, rappresentati dall’assessore alle Politiche del lavoro Nadia Rossi e dall’assessore al Lavoro Meris Soldati , a dotarsi di uno strumento operativo con la costituzione di un tavolo permanente di confronto.

In particolare, al centro della discussione è stato il tema della disparità in materia di detrazioni fiscali tra lavoratori italiani e sanmarinesi introdotta dalla Repubblica di San Marino, ma anche le modalità con cui lo Stato italiano, sul fronte delle detrazioni fiscali, riconosce ai frontalieri.

Attualmente, infatti, è la legge finanziaria che ogni anno determina le modalità e le quantità della detrazione fiscale, mentre sarebbe necessario che fossero definite da una legge ordinaria dello Stato.

Obiettivo concordato dal tavolo di confronto è il coinvolgimento, dato il livello nazionale dei problemi, dei parlamentari di maggioranza e opposizione del territorio da definirsi in tempi brevi, nonché allargare il confronto e il dibattito negli organismi istituzionali con la discussione e approvazione di specifici ordini del giorno da parte dei Consigli comunali della provincia.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy