Rimini. «Cultura: porto a Roma il modello Romagna»

«Cultura: porto a Roma il modello Romagna»

Il patto tra Gnassi e il mondo dello spettacolo. L’impegno dell’ex sindaco, candidato alla Camera: «Il settore ha bisogno di supporto»

«Il modello Romagna? Dobbiamo portarlo a Roma». Quello tra Andrea Gnassi e l’universo della cultura è un vero e proprio patto. Che passa dal contrasto all’instabilità lavorativa alla necessità di un maggior investimento da parte del Governo. Un impegno che l’ex sindaco, candidato alla Camera per il centrosinistra, ha illustrato sabato al Supercinema di Santarcangelo. «Il modo migliore per non retrocedere di un passo di fronte alle nubi minacciose che si annunciano – dice Gnassi – è quello di spingere a fondo l’acceleratore su politiche nazionali e locali che vedano le arti e lo spettacolo al centro della vita delle persone». Si parte, come punto iniziale, dalla lotta alla precarietà e alla protezione delle professioni intermittenti in campo curale. Il Pd ha presentato una proposta di legge a firma Orfini che è stata assunta dal Governo con legge delega. «Ora, però, serve che questa legge sia convertita con decreti attuativi entro la fine di novembre per essere operativa ed evitare la decadenza. Sarà questo uno dei primi impegni di vigilanza» (…)

Articolo tratto da Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy