Rimini. Non vedente chiede un semaforo, in risposta solo attese

La Voce di Romagna: Il caso / Filippo Zilli (Vincere per Rimini): “Con tutto quello che spende…” / “Vergognoso che il Comune non si curi di una cieca che chiede aiuto” 

RIMINI. Prime reazioni alla vicenda che riguarda
la dott.ssa Monica Sandri e la sua impossibilità
a recarsi al lavoro in sicurezza (…). L’associazione culturale
Vincere per Rimini si dichiara “indignata
-si legge in una nota di Filippo ZIlli – per
il comportamento di questa amministrazione (…). 

La
Dott.ssa Sandri è una signora non vedente
da oramai 20 anni, ma è una di
quelle persone che non hanno perso la
voglia di vivere, di lavorare e soprattutto
di aiutare il prossimo;
(…)

E cosa chiede in cambio? Nulla. Solo
la possibilità di recarsi sul posto di lavoro
in sicurezza.
(…)Qui
si sta chiedendo esclusivamente l’apposizione
di un semaforo a chiamata, all’altezza
della motorizzazione, in modo
da garantire l’attraversamento sulla via
Montescudo, via ad alta velocità di percorrenza,
e quindi molto pericolosa”
(…)
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy