Rimini. Sparatoria di via Carlo Zavagli, tre indagati. Corriere Romagna

Andrea Rossini – Corriere Romagna: Ferimento di via Zavagli. Il movente sarebbe legato a un oscuro debito di ottantamila euro: il presunto mandante sarebbe una vecchia conoscenza delle cronache locali / Agguato in strada, spunta un revolver / Perquisite le abitazione di tre persone indagate con l’accusa di tentato omicidio in concorso

RIMINI. Tre persone sono indagate con l’accusa di tentato omicidio in concorso per il ferimento di Augusto Mulargia, il riminese ferito a colpi di pistola sotto casa della madre, in via Zavagli, la sera del 5 aprile scorso. I carabinieri del nucleo investigativo dei carabinieri di Rimini, nonostante il ferito non abbia fornito delle indicazioni utili, ritengono di aver ricostruito uno scenario plausibile capace di giustificare il ferimento. Per avere riscontri a quella che per adesso è solo un’ipotesi investigativa ieri i militari, su disposizione del pm Luca Bertuzzi, hanno perquisito le abitazioni dei tre sospettati: il presunto mandante e i possibili complici. Alla fine un’arma è spuntata fuori, ma è ancora presto per dire se la calibro trentotto trovata in casa di uno degli indagati è la stessa utilizzata per sparare a Mulargia. Il revolver è stato sequestrato per gli accertamenti del caso. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy