Rimini. Stupra l’amica conosciuta in hotel

Corriere Romagna Rimini: La ragazza dice di essere stata costretta ad avere un rapporto in spiaggia, lui nega tutto /
Stupra l’amica conosciuta in hotel /
Violenza sessuale su una 17enne: arrestato turista 19enne

 

Violenza sessuale
aggravata dalla minore
età della vittima.
Questa l’accusa che inchioda
in una cella del
carcere di Rimini, un turista
19enne (origini albanesi
ma residente in un
cantone della Svizzera
francese) per lo stupro di
una ragazza inglese di 17
anni in villeggiatura con
la famiglia nello stesso albergo.
Come spesso accade diametralmente
opposte le
ricostruzioni di ciò che
sarebbe avvenuto sulla
spiaggia di San Giuliano
la notte di San Lorenzo. Il
ragazzo, appena diplomato,
a Rimini da una settimana
con sorella e cugino,
giura che la ragazza era
consenziente al rapporto
consumato usando un
profilattico. Lei, invece,
dice di essere stata costretta
ad averlo anche se
ha ammesso di non aver
urlato per chiedere aiuto.
Gli esami a cui è stata sottoposta
in ospedale non
hanno evidenziato, secondo
l’avvocato Piergiorgio
Tiraferri che assiste il giovane,
le tipiche lesioni di
cui sono soggette le vittime
di stupro, se si fa eccezione
per due lividi sui
seni.
(…)
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy