San Marino. Arresto Gatti, Sinistra Unita: ‘Pratiche tangentizie diffuse’

SAN MARINO. Continua a far parlare l’arresto di Gabriele Gatti: se per Movimento Rete la notizia giunge inattesa, per Sinistra Unita invece l’arresto ‘non era certo inatteso’. Ma al di la’ del ‘senso di sollievo’ che, come sottolinea Sinistra Unita, è stato regalato ad ogni cittadino onesto, “stanno infatti emergendo in maniera dirompente pratiche tangentizie diffuse, tanto da essere divenute prassi, che si sono negli anni sempre più radicate e che oggi forniscono la chiave giusta di lettura a quanto denunciato politicamente sin dagli anni ’90 da pochi politici coraggiosi e temerari, nell’indifferenza, se non nello scherno, della stragrande maggioranza dei cittadini e dei media”. 

(…) In più, apprendiamo anche di oscure manovre orchestrate dall’associazione a delinquere per delegittimare l’azione del Tribunale (oltre che per continuare i propri traffici), facendo leva anche sulla inconsapevolezza di qualche elemento dell’opposizione ansioso di cavalcare l’indignazione popolare alla ricerca spasmodica di visibilità. Sinistra Unita non si è mai prestata a fare da passacarte o da cassa di risonanza a faccendieri indagati, rifiutando la politica degli incontri clandestini con questi personaggi e rinunciando anche a qualche titolo sui giornali pur di tutelare il prezioso lavoro del Tribunale e non alzare polveroni inutili, che avrebbero giovato solo a chi doveva organizzare la sua difesa, tanto che abbiamo anche messo in guardia alcuni colleghi da questo rischio. (…) 

[Leggi Comunicato]

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy