San Marino. Consiglio Grande e Generale, 29 ottobre, prima parte. Agenzia Dire

Il resoconto dell’Agenzia Dire sulla prima parte dei lavori del Consiglio Grande e Generale nella seduta odierna.

Nella seduta odierna prosegue l’esame dei 31 articoli del Progetto di legge “Modifiche alla Legge 23 dicembre 2014 n.219 e Variazione al Bilancio di Previsione dello Stato e degli Enti del Settore Pubblico Allargato per l’esercizio finanziario 2015“.

L’esame dell’Assestamento di Bilancio 2015 riprende dall’articolo 24 “Rafforzamento del patrimonio di vigilanza della Cassa di Risparmio”, su cui si apre un dibattito molto partecipato e su cui sono stati presentati sei emendamenti dai gruppi di minoranza- Ca, Upr e Rete- tutti alla fine respinti. Dagli interventi dei consiglieri emerge la volontà bipartisan di sostenere Cassa di Risparmio, ma l’opposizione contesta la mancanza di informazioni, i dubbi su potenziali conflitti di interesse e si accusano governo e maggioranza di non voler dare seguito alle indicazioni su management e governance dell’istituto, date dal Fondo monetario internazionale. “Non posso prendere una decisione così, in un contesto così disinformato e pieno di inquietudine- dichiara Francesca Michelotti, Su- la cosa migliore sarebbe stato stralciare questo articolo e riparlarne in futuro”. Per Elena Tonnini, Rete, quello che manca sono prospettive e garanzie. “Per quanto riguarda le prospettive- domanda- vorrei sapere perché il Piano pluriennale rimane una cosa di fatto sospesa?”. Per Federico Pedini Amati, Indipendente, “non si può gestire la patrimonializzazione di Cassa in emergenza”.  Paride Andreoli, Ps, ammette di sentirsi “con una grande responsabilità e una forte preoccupazione”, e domanda se i 40 mln di euro destinati all’istituto saranno l’ultimo intervento delle istituzioni nei suoi confronti.  Franco Santi, C10, solleva i dubbi del suo movimento: “Non vorremmo che l’operazione risponda non a una logica di bene comune, ma a interessi particolari”. Upr, assicura, Marco Podeschi, ritiene che l’operazione debba essere fatta, ma “chiediamo semplicemente di rispettare una normativa bancaria e che una volta adottato il Ppr ci sia poi questo intervento di 40 milioni di euro”. Dalla maggioranza, Gerardo Giovagnoli, Psd, sottolinea i vantaggi dell’iniziativa dello Stato: “La Cassa ha maggiore patrimonializzazione, noi ne traiamo un beneficio di liquidità”. Meno convinto è l’intervento di Mario Venturini, Ap:“Voteremo questo articolo per senso di responsabilità- ammette- in maggioranza, al termine del percorso intrapreso su Cassa non siamo arrivati a una logica conclusione, qualcosa siamo riusciti a sistemare, ma non tutto”. Dopo la verifica sulla gestione dell’istituto richiesta da Ap, Venturini propone alle forze in Aula di sedersi a un tavolo “per affrontare le problematiche relative alla governance, sulle quali- chiosa- esistono sostanziali differenze”. Raccoglie l’invito dell’alleato Marco Gatti del Pdcs: “Mi sento di condividere quello che ha detto il consigliere Venturini sulle tempistiche e sulle modalità- replica-occorre procedere velocemente all’approvazione del Ppr, mandare avanti la patrimonializzazione attraverso l’emissione dell’ibrido e fare le verifiche” sulla governance. Di certo, Gatti sottolinea “l’assoluto bisogno” dell’intervento pubblico odierno: “Siamo sotto l’8% di ratio di insolvenza- puntualizza- se la patrimonializzazione non la fa lo Stato, la deve fare qualcun altro”.

Respinti gli emendamenti di minoranza, l’Aula accoglie l’articolo 24 e procede con l’esame dell’articolato.

Leggi il report Agenzia Dire

Interventi

All’articolo 24, “Rafforzamento del patrimonio di vigilanza della Cassa di Risparmio”,
sono stati presentati sei emendamenti dall’opposizione, uno di Rete, tre di Cittadinanza Attiva e due di Upr. Tutti respinti
.

Nicola Selva, Upr

Luca Santolini, C10

Roberto Ciavatta, Rete

Gerardo Giovagnoli, Psd

Marco Podeschi, Upr

Luca Beccari, Pdcs

Mario Venturini, Ap

Francesca Michelotti, Su

Paride Andreoli, Ps

Elena Tonnini, Rete

Marco Gatti, Pdcs

Andrea Belluzzi, Psd

Tony Margiotta, Su

Rossano Fabbri, Ps

Andrea Zafferani, C10

Massimo Andrea, Ugolini, Pdcs

Federico Pedini Amati, Indipendente

Franco Santi, C10

Gian Matteo Zeppa, Rete

Vladimiro Selva, Psd

Ivan Foschi, Su

Marino Riccardi, Psd

Maria Luisa Berti, Ns

Pasquale Valentini, segretario di Stato per gli Affari esteri

Gian Franco Terenzi, Pdcs

Denise Bronzetti, Indipendente di maggioranza

Gian Carlo Capicchioni, segretario di Stato replica

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy