San Marino. “Cps, due anni disastrosi sotto il profilo associativo, sportivo e reputazionale”

“I soci Fondatori del Comitato Paralimpico Sammarinese scrivono alla Presidente Daniela Del Din artefice, assieme ai membri del Consiglio Direttivo, di due quadrienni paralimpici disastrosi sotto il profilo associativo, sportivo e reputazionale”.

Lo riporta un comunicato stampa. “È inaccettabile darsi alla macchia dopo aver utilizzato le aspirazioni e i sogni sportivi delle persone con disabilità come arma di ricatto per risolvere le questioni aperte. I problemi esistenti si affrontano solo discutendo con le Autorità competenti in modo costruttivo e intelligente, mettendo da parte interessi e rancori personali.

In questo senso chiediamo un’immediata assunzione di responsabilità, diversamente, informeremo gli organismi paralimpici internazionali, trasmettendo loro anche l’auspicio che i protagonisti di questo scempio traggano le dirette conseguenze per il bene dello sport paralimpico sammarinese e internazionale”.

Di seguito il testo della lettera:

Il panorama sportivo sammarinese necessita di taluni ulteriori interventi di carattere normativo e organizzativo in ordine alla promozione e al sostegno della pratica sportiva agonistica per le persone con disabilità. Tuttavia, affinché con si ripetano vicende e situazioni inaccettabili come quelle occorse in occasione delle ultime due edizioni dei Giochi Paralimpici, segnatamente Rio2016 e Tokyo2020, vista l’apparente grave e inesorabile involuzione di tale settore, riteniamo che solo attraverso il dialogo e il confronto si possano trovare le soluzioni possibili e mediazioni condivise, fondamentali per tutelare il Diritto di tutti allo Sport e per scongiurare che altri atleti sammarinesi con disabilità siano ancora così tristemente e pesantemente penalizzati in futuro.

 Pertanto invitiamo la S.V. a discutere immediatamente con le Autorità sammarinesi competenti in materia di Sport per dare una risposta che sia sostenibile e responsabile, soprattutto nei confronti dei diretti interessati i quali non possono certo continuare a subire le conseguenze di condotte che nulla hanno a che fare con il fair play, l’etica e i principi dello Sport.

 In subordine, qualora questa ingiustificata e incomprensibile latitanza continui, chiediamo a lei e ai suoi collaboratori di rimettere il mandato ai sensi dello Statuto associativo vigente, oppure nelle mani di noi sottoscritti signori che, in data 18 Ottobre 2006, attraverso un Atto costitutivo, abbiamo fondato il Comitato Paralimpico Sammarinese”.

A firmarla sono: Marco Benedettini, Anna Maria Berardi, Caterina Ferri, Maria Nicoletta Gasperoni, Giuliano Guidi, Patrizia Levorato, Eraldo Maccapani, Cristina Morri, Sandra Morri, Xiomara Munoz Guerrero, Miranda Semprini, Giuseppina Tamagnini, Marina Tomassoni, Mirko Tomassoni e Daniela Veronesi.

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy