San Marino, Credito Sammarinese. Csdl: non possono pagare sempre i cittadini

La Confederazione Sammarinese del Lavoro critica l’intervento, messo a punto dal Governo, per risolvere la vicenda Credito Sammarinese, ponendo l’accento sull’aspetto occupazionale e sulle ricadute previste sulla collettività.

Mentre per i dipendenti del Gruppo Credito Sammarinese l’Esecutivo non
ha fornito nessuna garanzia e non ha assunto nessun impegno
occupazionale, limitandosi a porre i lavoratori in mobilità, lo stesso
Governo ha deciso di finanziare con le risorse dello Stato, e quindi
dell’intera collettività, l’operazione di salvataggio del pacchetto
clienti del Credito Sammarinese, spalmato su 7 istituti di credito
sammarinesi
.
Infatti, la “soluzione di sistema” approvata ieri dal
Congresso di Stato, prevede che a fare fronte alla liquidità dei circa
3.000 correntisti del CS, ci penserà lo Stato, ovvero tutti i cittadini,
con un intervento a favore delle banche “salvatrici” che prevede sgravi
fiscali per otto anni
, applicabili sia sul reddito che a compensazione
del versamento dovuto allo Stato delle ritenute sugli interessi bancari.
È inaccettabile che debba essere lo Stato, e quindi tutti l’intera
comunità dei cittadini, a dover pagare le conseguenze della chiusura di
una banca, i cui dirigenti sono accusati di aver commesso gravi reati,
ovvero di aver incamerato capitali della criminalità organizzata.

Leggi comunicato CSdL

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy