San Marino. Csdl: Nelson Mandela, restera’ nella storia come il simbolo della lotta contro ogni discriminazione

La CSdL esprime una profonda commozione per la morte di Nelson Mandela, uno dei più grandi uomini dell’ultimo secolo, simbolo universale della lotta contro l’apartheid in Sud Africa e contro ogni forma di discriminazione razziale, politica e sociale.

In questi giorni di lutto per il mondo intero, anche la CSdL intende ricordare quest’uomo dalla gigantesca statura umana e politica, che ha combattuto e saputo vincere il vergognoso sistema dell’apartheid unendo e riconciliando un’intera nazione, fino ad allora profondamente divisa sul piano razziale e sociale.

La sua figura di uomo e di massimo esponente del movimento per i diritti del suo popolo, che ha sopportato 27 ani di carcere durissimo e ha continuato a battersi per la causa dell’uguaglianza tra tutti gli esseri umani, fino a diventare dopo la scarcerazione il Presidente del suo stesso paese, rappresenterà per sempre un esempio forse irripetibile di coraggio, determinazione e fede assoluta nei valori universali della giustizia sociale, della pace, della solidarietà, della democrazia. La speranza, forse utopistica, è che l’enorme eredità politica, umana e morale di Nelson Mandela, possa essere raccolta e portata avanti da altri uomini e donne, in ogni parte del mondo.

La CSdL è sempre stata molto vicina al dramma del popolo dei neri sudafricani, allacciando per alcuni decenni intensi rapporti di amicizia e collaborazione con l’African National Congress, la formazione politica di cui lo stesso Nelson Mandela era il massimo rappresentante. Tant’è vero che in alcuni Congressi della CSdL negli anni ’80 e ’90, la Confederazione del Lavoro ha avuto il grande onore di ospitare Benny Nato, allora rappresentante dell’ANC per l’Italia.

CSdL

[Comunicato Stampa]


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy