San Marino. Direzione Nazionale Antimafia: relazione sulle attività di Francesco Vallefuoco. L’Informazione di San Marino

Antonio Fabbri – L’Informazione di San Marino: La Dna: “Tra San Marino e Rimini importato il metodo mafioso” 

SAN MARINO. La relazione della Direzione Nazionale Antimafia dà conto delle modifiche normative sul Titano e del clima di collaborazione che è cambiato tra le autorità dei due Paesi. La relazione prende in esame, poi, anche i fatti che in questi anni hanno interessato l’attività di Franco Vallefuoco tra San Marino e Rimini. Un esame alla luce delle quattro indagini, Vulcano 1 e 2 (che la relazione definisce Vesuvio), Staffa e Titano. In queste indagini “centrale – si legge nella relazione – è la figura di un soggetto campano, Francesco Vallefuoco, a capo di un gruppo criminale specializzato nel recupero crediti in favore di imprenditori che preferivano seguire scorciatoie illegali rispetto alle normali procedure, con il coinvolgimento di una società finanziaria sammarinese e di professionisti (ad esempio, notai) anch’essi di origine romagnola. (…)


Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy