San Marino. Disordini a Borgo, giovane fermato valuta denuncia

Nuovi video, i riminesi erano seduti al bar e sono stati “prelevati” dalla Polizia

Sei minuti di video inediti ricostruirebbero i fatti antecedenti la rocambolesca azione del poliziotto che ha immobilizzato il 23enne

ENRICO LAZZARI – (…) Secondo ambienti vicini alla famiglia del 23enne riminese, immobilizzato a terra da un agente in una azione immortalata da un presente e poi rimbalzata su centinaia di telefoni cellulari tramite il servizio di messaggistica Whatsapp, lo stesso giovane starebbe approfondendo con uno studio legale -sembra italiano- la possibilità di adire alle vie legali, ritenendo illegittima l’azione che ha subito. Una indiscrezione, che però, pur apparendo più che probabile anche a rigor di logica, non trova conferma definitiva. “L’arma” più potente tesa ad avvalorare la tesi -si ricordi tutta da accertare- di un eventuale esposto-denuncia sarebbero proprio i video. Due per l’esattezza: il primo della durata di circa cinque minuti, del quale gli ultimi due minuti sono ormai pubblici e ritraggono la rocambolesca azione condotta dall’agente della Polizia Civile per immobilizzare e caricare nell’auto di servizio il ragazzo, e il secondo, assai più breve, che riprenderebbe le fasi dell’avvicinamento degli agenti al gruppetto di ragazzi.
Due video che, insieme, potrebbero ricostruire tutte le fasi -dal primo contatto- dell’azione culminata, poi, con un 23enne riminese “introdotto” sul sedile posteriore di un’auto della Polizia Civile. (…)

Tratto da La Serenissima

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui: paypal.me/libertas20
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy