San Marino e la solidarietà internazionale

Il violento terremoto che nei giorni scorsi ha messo in ginocchio la Repubblica di Haiti è stato un disastro naturale e umano non prevedibile, che ha mobilitato gli Stati e le coscienze internazionali. San Marino, come già successo in un passato anche recente per circostanze di tale portata, ha voluto far sentire la sua voce, all’unisono. La donazione della somma corrispondente al gettone di presenza dei membri del Consiglio Grande e Generale rappresenta un gesto concreto di solidarietà a sostegno della popolazione haitiana. Il contributo raccolto, di circa 6.000 €, va ad aggiungersi allo stanziamento di 35.000 € già deliberato dal Governo ad inizio settimana ed all’appello lanciato ieri alla popolazione scolastica sammarinese dalla Commissione Nazionale per l’UNICEF per la raccolta di fondi. Si tratta, naturalmente, di interventi umanitari estemporanei, legati al particolare momento di gravità che coinvolge un intero popolo, attraverso i quali il nostro Stato ha voluto testimoniare la propria solidale vicinanza insieme a tutti gli altri Paesi.

Nei confronti dell’impegno di solidarietà internazionale, però, San Marino non si limita certamente a questo tipo di partecipazione che, pur importante, rimane, come detto, una risposta all’emergenza.

Già a fine 2009 il Governo aveva erogato circa 23.000 € al CERF (l’organo dell’ONU che si occupa degli interventi di emergenza e garantisce il sostegno alle popolazioni più povere), sempre a favore di Haiti.

Il Fondo di Solidarietà Internazionale è ora un capitolo importante nel bilancio di previsione annuale dello Stato. Nel Fondo rientrano tutte le iniziative di carattere umanitario e di tutela delle persone nei loro diritti fondamentali, il diritto inviolabile alla vita, il diritto alla salute, il diritto all’istruzione, il diritto ad un’esistenza dignitosa.

San Marino è seriamente impegnato sul piano internazionale per contribuire al miglioramento delle condizioni delle fasce più deboli della società. Negli ultimissimi tempi i progetti finanziati si sono moltiplicati, a dimostrazione dell’importanza che l’attuale Governo attribuisce alla solidarietà internazionale. Il ruolo di San Marino nella comunità degli Stati è attivo e propositivo, sensibile alle istanze che provengono da ogni parte del mondo. Lo dimostra lo stesso stanziamento a bilancio per il sostegno di opere umanitarie, che dai poco più di 60.000 € del 2008, nel 2009 è arrivato a ben 485.000 €, interamente erogati.

La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri tiene a sottolineare che la somma destinata nel previsionale del 2009 era pari a 330.000 €; la gestione oculata di spese inerenti al Dipartimento Affari Esteri – soprattutto di rappresentanza e per missioni e trasferte – ha permesso, in sede di assestamento di bilancio, di trasferire ulteriori fondi al capitolo della solidarietà internazionale, che ha raggiunto la considerevole cifra di 485.000 €.

Per il 2010 nel capitolo di spesa 2020 “Fondo Solidarietà Internazionale” lo Stato ha destinato 450.000 €.

Per lungo tempo la Repubblica di San Marino ha destinato alla cooperazione internazionale cifre bassissime, se rapportate al Prodotto Interno Lordo, e certo si può sempre fare meglio e di più. Va comunque evidenziato che, pur in presenza di una crisi economica che non ha risparmiato nessuno Stato, e dunque nemmeno il nostro Paese, il Governo, su proposta del Segretario di Stato Mularoni, ha voluto riconfermare il trend scelto lo scorso anno negli stanziamenti per la collaborazione bilaterale e multilaterale, considerata necessaria nella comunità globalizzata del presente, dove ogni singolo Stato, piccolo o grande che sia, deve giocare anche un ruolo etico e dove chi ha raggiunto livelli di vita elevati non deve dimenticarsi di chi vive ancora in condizioni difficilissime. In ciò è racchiuso il senso dell’impegno e dello sforzo che la Repubblica sostiene, con rinnovato slancio nel più ampio contesto internazionale.

SEGRETERIA DI STATO PER GLI AFFARI ESTERI E POLITICI,

LE TELECOMUNICAZIONI E I TRASPORTI

Comunicato stampa

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy