San Marino. Famiglia siriana ospite a San Marino, precisazioni

In merito a notizie diffamatorie pubblicate a mezzo internet nei giorni scorsi con riferimento alla famiglia siriana ospitata durante gli scorsi mesi a San Marino, vorremmo precisare quanto segue:
– non risponde al vero l’affermazione che Ali Abdul Ghani (questo il cognome e nome del capofamiglia) non volesse lavorare; al contrario più volte, soprattutto negli ultimi mesi di permanenza in Repubblica, aveva manifestato il desiderio di trovare un lavoro compatibile con le esigenze familiari e con gli impegni scolastici;
– usufruendo di un permesso umanitario, non poteva iscriversi nelle liste di collocamento;
– il 21/12/2016 aveva compilato, presso l’Ufficio del Lavoro, il Modulo di Iscrizione per Prestazioni di Lavoro Occasionale e Accessorio (registrazione Nr 3179);
– non ha mai lavorato da un benzinaio;
– non è mai andato in Germania prima della partenza definitiva della famiglia;
– la decisione di andare in Germania, ad Hannover, è stata dettata dal desiderio di ricongiungersi con parenti ed amici ivi residenti e quindi di vivere in un ambiente familiare;
– hanno sempre espresso riconoscenza e gratitudine per l’accoglienza e l’affetto ricevuti a San Marino;
– ancora oggi siamo in contatto telefonico con la famiglia che continuamente desidera ringraziare i tanti volontari che l’hanno aiutata nella loro permanenza a San Marino.
Stupiti per le affermazioni non vere, basate sulle presunte segnalazioni di un presunto conoscente della famiglia, ci chiediamo se sia eticamente plausibile sostenere, seppure tramite blog privati e social medias, la diffusione di informazioni prive di riscontri documentali e senza una pur minima e previa verifica.
Martedì, 9 maggio 2017
Giovanni Ceccoli
Per la Caritas Vicariale di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy