San Marino, Giovagnoli, Psd. Basta tatticismi con l’Italia

Gerardo Giovagnoli, segretario del Partito dei Socialisti e dei Democratici (coalizione Patto per San Marino, maggioranza in Consiglio Grande e Generale), sostiene che, se si vuole che San Marino arrivi a concludere gli accordi con l’Italia, occorre porre fine ai tatticismi e mettere in cantiere riforme vere e sostanziali.

Lo riferisce Smtv San Marino.

“Hanno praticamente dato dei falsari alla Dna, ci è sembrata decisione
improvvida. Invece questo è un problema che riguarda prepotentemente la
politica. Inoltre ci era stata annunciata la firma con l’Italia entro il 31
gennaio: non c’è stata, e all’orizzonte non ci sono altri incontri”. Tre i punti
fondamentali che hanno creato, secondo il Psd, una serie di reazioni a catena:
primo, il fatto che alcuni reati in Italia non siano riconosciuti come tali a
San Marino, dunque manca una piena corrispondenza investigativa; secondo, i
catastrofici errori compiuti su Banca centrale; terzo, il fatto che l’Italia
sostanzialmente non si fidi della giustizia sammarinese e dei corpi di polizia.
“A questo punto – conclude Giovagnoli – torniamo a sollecitare con forza tutte
le proposte di legge già presentate, sperando si voglia uscire da tatticismi e
logiche di parte. C’è il modo di ottenere una maggioranza più vasta per
risolvere davvero questi problemi, in questi casi non esistono maggioranza e
opposizione”
.

 

ASCOLTA IL GIORNALE RADIO DI

OGGI

OGGI I

GIORNALI PARLANO
DI

Webcam
Nido del Falco

Meteo San
Marino di N. Montebelli

Vignette

di Ranfo

Accadde oggi, pillola di
storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy