San Marino. Giustizia, dopo Buriani altri tre togati rischiano il posto

La pianificazione della “terra da ceci in tribunale” investe altri tre togati

Già l’ordine del giorno del consiglio giudiziario plenario aveva con tutta evidenza fatto emergere la pianificata strategia del compimento della “terra da ceci” di gattiana memoria. Raggiunto così l’obiettivo che già a suo tempo avevano intavolato i “mazziniani”, ovvero quello di fare giudicare i giudici dalla politica, e messa in atto l’azione di sindacato e la sospensione di Buriani, si è passati al punto 2 all’ordine del giorno, mirato alla rimozione dei giudici di appello Ferdinando Treggiari e Andrea Morrone. Su di loro pende la mannaia della retroattività della legge qualificata n.1 del 2020, che renderebbe appunto retroattivamente illegittime  la composizione del Consiglio giudiziario plenario che emise il bando di concorso. (…)

Articolo tratto da L’Informazione

Leggi l’articolo integrale pubblicato dopo le 23

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy