San Marino. Gnassi buon senso e molto di piu’

Il sindaco di Rimini nonché  Presidente della Provincia di Rimini, Andrea Gnassi, pone fine  alla querelle che questa estate  era stata scriteriatamente aperta   nei suoi confronti da San Marino Rtv, emittente di Stato, nella persona del suo direttore generale Carlo Romeo. Materia? Differenza fra campionato di serie D e campionato  di Eccellenza, in relazione a Rimini Calcio.  Questione nella quale inopinatamente si erano  infilati anche il nostro Segretario di Stato al Turismo,  Teodoro Lonfernini, nonché il Segretario di Stato agli Interni ed alla Giustizia Gian Carlo Venturini. 

Gnassi pone fine alla questione incassando, anzitutto,  dal Segretario Lonfernini la firma di prosecuzione  della collaborazione sul Gran Premio di Misano  fino al 2020, costo € 300 mlla all’anno, il triplo di  quanto spende Riccione.

Poi lo stesso Gnassi, senza accennare al Polo del Lusso,   impartisce una lezione alla classe politica sammarinese su che cosa  si dovrebbe fare  assieme. Parte citando  “un Protocollo d’Intesa”  su come collegare ” per
esempio, la stazione di Rimini
a San Marino
“. Protocollo che, par di capire,  pur  pronto sarebbe snobbato da parte sammarinese.  Insomma secondo Gnassi   “queste sono le questioni
che interessano i sammarinesi
e i riminesi
”  e senza mezzi termini dice che “non gliene
frega niente
”  di quelle diatribe. E con nonchalance   sorvola  sul consiglio che il Direttore di  San Marino Rtv gli ha dato di andarsi a curare. 

Andiamo al sodo. Gnassi propone di occuparsi assieme, Rimini e San Marino, della viabilità. Come già propose nel 2007 Studio Ambrosetti  e poco dopo  McKinsey.  Insomma si dovrebbe partire da un l collegamento viario veloce fra San Marino e Rimini.  Questa la premessa  necessaria, indispensabile per lo sviluppo dell nostro Paese. Si fa bene a insistere perché i semafori vengano sostituiti da rotatorie. Intanto però dal confine in su togliamo gli attraversamenti a raso, riduciamo le immissioni dirette sulle carreggiate.

San Marino economicamente si è sviluppato grazie alla superstrada. Anzitutto va  fatta ritornare ad un scorrimento veloce. Mentre continuiamo a chiedere l’eliminazione dei semafori, eliminiamo gli attraversamenti a raso, l’immissione  diretta sulla carreggiata lungo tutto il percorso, facciamo parcheggiare gratis ovunque, incrementiamo i parcheggi in città gratuiti. 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy