San Marino. Il punto sulla situazione neve, Corriere Romagna San Marino

San Marino. Infiltrazioni all’ospedale di Stato Centrale del latte, in tilt l’impianto di raffreddamento /  Per un giorno bar e alimentari senza approvvigionamenti

SAN MARINO. La neve ferma la Centrale del latte di San Marino: avaria all’impianto di raffreddamento e per un giorno bar e alimentari sono rimasti senza latte fresco, ma l’emergenza termina nel pomeriggio. Infiltrazioni all’ospedale: salve le sale operatorie. Intanto, stanno terminando i disagi alla viabilità: rese praticabili quasi tutte le strade del circondario ma i metri di neve sono ancora tanti in centro storico. Danni ingenti all’economia, dicono le associazioni di categoria: l’allerta rimane alta e la polizia civile invita a fare attenzione alle stalattiti. «Non camminateci sotto». Il danno più grave delle ultime ore è proprio il guasto alla Centrale del latte che garantisce il rifornimento dei latticini a tutti gli esercizi del territorio: nella notte tra lunedì e martedì, a causa di un congelamento, l’impianto di produzione si è bloccato. «Immediato l’intervento dei tecnici di Cesena per rimettere in funzione la macchina – ha rassicurato dalle prime ore il direttore Paolo Musci -: il latte non è stato buttato, grazie al sistema automatico che arresta subito il ciclo in caso di avaria, e i danni al macchinario non sono ingenti, ma rimane il danno della mancata consegna del latte fresco. Per ore, bar e alimentari sono rimasti senza. A disposizione, il solo latte a lunga conservazione». Ma già nel primo pomeriggio, l’allarme è rientrato e l’impianto è tornato a funzionare. Il danno alla Centrale è solo uno dei tanti accorsi alle tante imprese sul territorio, chi vittima di crolli e cedimenti strutturali, chi dello stallo delle forniture. E ora, le associazioni di categoria stanno contando i danni. L’unione dei commercianti chiede misure di sostegno, come la proroga del pagamento delle imposte. Piccole difficoltà anche in ospedale, al termine del lungo periodo di emergenza: Cardiologia, Ortopedia, Pronto soccorso, e lo spogliatoio maschile delle sale operatorie sono interessate da perdite di acqua dai solai. Nei corridoi dell’ospedale si tampona come si può l’emergenza: metri di neve sul tetto ed ecco che nella struttura compaiono le bacinelle per raccogliere le perdite. Non piove nelle sale operatorie, ristrutturate recentemente e perfettamente funzionanti. Sta tornando lentamente alla normalità la viabilità, anche se molte strade secondarie sono ancora “bianche” e zone dei castelli più alti ancora letteralmente immerse nella coltre ghiacciata. Ed è proprio il ghiaccio a spaventare di più: la polizia civile invita a prestare attenzione soprattutto alle stalattiti che pendono dai cornicioni e che, col sole in arrivo, rischiano di crollare.  

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy