San Marino. Intervento di Roberto Tamagnini sull’Istanza d’Arengo su Giuliano Gozi

Roberto Tamagnini, membro di Sinistra Unita, si dichiara “allibito ed indignato dall’Istanza d’Arengo che vorrebbe assegnare un riconoscimento viario a Giuliano Gozi per sue benemerenze verso gli Ebrei sfollati a San Marino nella seconda Guerra Mondiale”.

Questo signore era il Segretario del Partito Fascista sammarinese che, oltre ad aver azzerato la democrazia, si avvaleva di squadracce di picchiatori per ridurre al silenzio e peggio gli oppositori al regime, ne rimase vittima tra gli altri anche Gildo Gasperoni. Il mandante morale non poteva che essere il Segretario del Partito Fascista che firmò come Segretario degli Affari Interni, assieme ai Capitani Reggenti Settimio Belluzzi e Clelio Gozi, l’infame legge n. 33 del 17/09/1942: legge contente provvedimenti in materia matrimoniale e in difesa della razza e che, all’art. 4, era vergognosamente subordinata alla legge italiana RDL 17/11/1938 n. 1728 (provvedimenti per la difesa della razza italiana) diretta principalmente contro gli ebrei.

Leggi Comunicato, Roberto Tamagnini – Sinistra Unita

Il Sig. Piergiovanni Volpinari fa presente che   il segretario del Partito Fascista non era Giuliano ma Manlio Gozi e  capitano Reggente non era Clelio ma Celio Gozi.

 


 

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy