San Marino. L’informazione: Sospensione in caso di rinvio a giudizio, la prassi non vale in Banca centrale

L’informazione di San Marino: Sospensione in caso di rinvio a giudizio
la prassi non vale in Banca centrale /
Nel caso
Vivoli

non viene usato
lo stesso metro
utilizzato
in altre istituzioni

Durante le indagini sulla tangentopoli
sammarinese-conto Mazzini,
in più di un caso ci si è trovati di
fronte a dimissioni motivate dalla
pendenza dell’inchiesta a proprio
carico o, in altri casi, remissione
di mandato arrivata dopo il rinvio
a giudizio. Sospensioni prima
e dimissioni, poi, da partiti e
dal Consiglio, per i politici. Ma
questa prassi non vale evidentemente
per Banca centrale.
(…)

Dimissionari dal Consiglio, già
nella fase delle indagini, erano
stati i consiglieri Upr Lonfernini,
Marcucci, Mularoni e Meniccci;
poi dimissionario prima dal Congresso,
e dopo il rinvio anche dal
Consiglio, Claudio Felici assieme
a Stefano Macina, entrambi in seguito
sospesi anche dalla Direzione
del Psd come Stolfi. Sospesi
dal loro partito anche Podeschi e
Gatti. Anche per Mirko Mazzocchi,
il gendarme condannato in
primo grado per favoreggiamento,
era arrivata la sospensione dal
servizio già nella fase in cui era
emersa l’indagine a suo carico.
Non così in Via del Voltone
… (…)

Leggi l‘intero articolo di Antonio Fabbri pubblicato dopo le 23

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy