San Marino. La Pro Bimbi invoca il ripristino dei percorsi educativi

L’Associazione Pro Bimbi torna a chiedere risposte concrete sulla riapertura di scuola e centri estivi “poiché il recupero della socialità dei bambini e il sostegno alle famiglie non sono più procrastinabili”.

“Abbiamo più volte ribadito la necessità di accompagnare la ripresa delle attività economiche e lavorative con la ripresa dei percorsi educativi e di socialità di bambini e adolescenti, sostenendo in questo modo anche le famiglie nella gestione del carico di cura dei figli, che in questi mesi hanno gravato in modo innegabile unicamente sulle loro spalle, in particolare delle donne – dichiara l’Associazione Pro Bimbi in un comunicato -. E non ci si può permettere, dopo anni e anni di piccole conquiste, di fare passi indietro su un tema così importante e attuale come quello della conciliazione dei tempi di cura di famiglia e lavoro. Ma la cosa più importante è che i bambini hanno bisogno di riprendere gradualmente la socialità, specialmente ora che i primi dati sembrano smentire le preoccupazioni iniziali legate alla possibilità che i bambini possano essere una riserva di infezione, in particolare nella fascia 0-10 anni”.

Chiesto, dunque, alla Commissione Consiliare pertinente di “dare un ulteriore forte segnale positivo e restituire ai minori, fin da ora, una dimensione, una socialità e un senso di appartenenza alla comunità, a cominciare proprio dalla scuola e dalle intenzioni del segretario di Stato per l’Istruzione e la Cultura, Andrea Belluzzi, di ripartire”.

Infine, la chiosa: “Non siamo infatti d’accordo con chi ritiene che un eventuale rientro a scuola, pur se breve e facoltativo, sia da considerare una mera opera di ‘badaggio’ poiché, dal punto di vista pedagogico occorre ai nostri figli un ritorno alla vita, un primo graduale ripristino della normalità e della loro cittadinanza sociale in un contesto comunitario di apprendimento e relazione tra pari. Così come i genitori tornano a lavorare, i loro figli tornano a essere anche bambini e ragazzi, non solo figli”.

Leggi il testo integrale del comunicato 

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy