San Marino. Lottare per cambiare: non più paradiso fiscale, ma paradiso civile (Su)

All’indomani dello sciopero generale e pur consapevole delle  intemperanze di alcuni partecipanti, Sinistra Unita difende non solo lo sciopero e le sue
ragioni incontestabili, ma anche ogni tentativo di colpevolizzare chi allo
sciopero ha partecipato. E non per irresponsabile populismo, ma per realismo
storico. Da troppo tempo la politica è impegnata in una sistemica azione di
depoliticizzazione della cittadinanza. Prima le ha tolto le strutture per
farla, poi gli strumenti e anche gli spazi fisici come le piazze,
trasformandole in centri commerciali. Per rimediare a questo esproprio della
partecipazione democratica un manipolo di uomini ha distribuito a pioggia le
briciole della immensa ricchezze che loro stessi e i loro sodali hanno
amministrato sulla tavola della sovranità violata sammarinese. Oggi sulla
tavola c’è rimasto quasi niente, sotto le briciole stanno finendo e la
sovranità è tutta da riconquistare.

Leggi il comunicato Sinistra Unita

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy