San Marino. Minacce no vax, piena solidarietà della CSU a CGIL e CISL di Rimini

“Piena e totale solidarietà a CGIL e CISL di Rimini per le nuove minacce e le inqualificabili accuse di nazismo da parte di movimenti no vax, salvo che le indagini in corso non facciano emergere responsabilità diverse. Se così fosse, c’è da aspettarsi a breve una concreta presa di distanza da parte di chi invece afferma di sostenere le proprie convinzioni mettendoci la faccia. Agire nell’ombra è un tipico comportamento fascista e nazista, specie quando è rivolto contro presidi di democrazia come i sindacati”.

È ferma la condanna dei Segretari Generali della Centrale Sindacale Unitaria di San Marino dopo le scritte con vernice rossa sui muri della sede sindacale di via Marzabotto.

“Un gesto ignobile – sottolineano i segretari generali Enzo Merlini (CSdL) e Gianluca Montanari (CDLS) – che colpisce le organizzazioni sindacali, le quali di fronte a una pandemia globale hanno messo al primo posto la sicurezza nei luoghi di lavoro e la tutela della salute, in particolare delle persone più fragili. Un atto vandalico che va stigmatizzato con forza perché mira a riaccendere un clima di tensione e di divisione nelle nostre comunità ancora profondamente segnate dall’emergenza Covid, calpestando così qualsiasi senso di responsabilità verso la collettività”.

“Questi atti – concludono i segretari generali della CSU – rappresentano anche uno sfregio nei confronti di chi in questi anni ha perso i propri cari e degli operatori della sanità che con spirito di abnegazione si sono sacrificati per restituirci una progressiva normalità”.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy