San Marino. Montanari (CdLS): “Il Giorno della Memoria ci obbliga a fare i conti con il presente”

“L‘Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria”.

È con questa frase di Primo Levi che il segretario generale della CDLS, Gianluca Montanari, sottolinea l’importanza di non dimenticare gli orrori del nazi-fascismo: “In momenti incerti come quelli che stiamo vivendo coltivare il dovere della memoria per il sindacato significa affermare il valore della cooperazione e dell’integrazione contro i fili spinati dei nuovi nazionalismi, significa impegnarsi a difendere la democrazia contro la tentazione dell’uomo forte, significa non stancarsi mai di trasmettere ai nostri giovani i valori della libertà, della tolleranza e dell’uguaglianza”.

Per il segretario della CDLS la Giornata della Memoria “non è soltanto un’occasione simbolica per rievocare il passato e lo sterminio razziale di 6 milioni di ebrei, ma un’opportunità per rileggere anche il nostro presente”.

“Non dimenticare gli orrori del nazi-fascismo – conclude Montanari – ci obbliga  fare i conti con il presente, ci obbliga a non essere indifferenti difronte agli orrori e alle discriminazioni dei nostri giorni: ai profughi morti di freddo sulla rotta dei Balcani; alla faccia brutale di una globalizzazione che genera diseguaglianze e povertà; alle minacce di una nuova guerra nel cuore dell’Europa”.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy