San Marino non puo’ non ricordare Boutros Ghali. Aggiornamento

La Repubblica di San Marino non può oggi non ricordare la figura di Boutros Ghali, il Segretario Generale dell’Onu che  il 2 marzo 1992 la accolse per acclamazione nella Assemblea Generale. 

Alberto Flores d’Arcais su La Repubblica:   E’ morto l’ex segretario generale Onu Boutros Ghali / Aveva 93 anni, primo africano e primo arabo ad entrare nella sala dei comandi del Palazzo di Vetro(…) Tra il 1992 e il 1996 questo elegante cristiano copto (sposato ad una ebrea egiziana che si convertì), capace di passare senza battere ciglio tra una tenda beduina e un albergo a cinque stelle (fu lui ad accompagnare Sadat nella famosa e storica visita a Gerusalemme nel 1977), si trovò di fronte a cambiamenti più grandi di lui. (…)

Dispiace che il protagonista sammarinese di quell’evento, Gabriele Gatti, oggi si trovi in carcere nel suo stesso Paese e con accuse così devastanti per la sua persona e per lo stesso Paese. Sarebbe stata l’occasione per celebrare l’evento che segna il punto più alto  e forse più bello della nostra storia, reso possibile dal  successo conseguito in politica estera dal prof. Federico Bigi nei confronti dell’Italia nel 1971.

                                     Guarda il video Nemini teneri 

Da Radiovaticana (ore 19): Una vita spesa nel “generoso servizio al suo Paese e alla Comunità internazionale”. Così il Papa in un telegramma al segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon, per la morte dell’ex segretario Onu, Boutros Boutros-Ghali. Nel dirsi “rattristato”, Francesco assicura preghiere estendendo “sentite condoglianze” a quanti vivono il dolore per la scomparsa del politico e diplomatico egiziano, spentosi ieri al Cairo all’età di 93 anni.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy