San Marino. “Ogni anno a San Marino 40 donne segnalano violenze domestiche”, Antonio Fabbri

L’informazione di San Marino

“Ogni anno a San Marino 40 donne segnalano violenze domestiche”

Di questi mediamente tredici danno corso all’apertura di fascicoli penali

Antonio Fabbri

Nella serata organizzata dalla Csdl in cui si è parlato di integrazione europea, immigrazione, diritti delle donne, lotta alla violenza di genere, serata alla quale ha preso parte anche l’europarlamentare Cécile Kyenge, tra i relatori era presentente anche la presidente dell’Authority per le pari opportunità, Monica Michelotti.

La Michelotti ha posto l’accento sulla realtà sammarinese a partire da un dato significativo. “Ogni anno ci sono 35-40 casi di violenza domestica che vengono segnalati. Di questi 10-13 sfociano nella denuncia e nell’apertura di fascicoli”. Un numero elevato per San Marino. “Un numero importante”, conferma la Michelotti. “Oggi molte donne si fanno aiutare e si rivolgono ai servizi, specialmente al centro per l’ascolto. Comincia a funzionare bene la rete dei servizi, con percorsi che non sempre e non necessariamente sfociano in segnalazione e vicende penali”, spiega la Michelotti. 

“Di certo oggi c’è più sicurezza nel denunciare e le donne sanno che, se segnalano, non sono più sole e non sono lasciate sole. Devono trovare quella forza, quel coraggio e determinazione di uscire dalla violenza denunciando”.

“Siamo consapevoli – prosegue – che resta sempre difficile segnalare, soprattutto nei casi di violenza domestica. E’ un fenomeno molto complesso che va affrontato con strumenti diversificati, soprattutto conoscendo profondamente le situazioni e i meccanismi. Su questo noi riscontriamo che gli operatori, siano essi degli uffici preposti o delle forze dell’ordine, sono oggi in grado di riconoscere maggiormente i bisogni e le situazioni. La scuole, i servizi, le forze dell’ordine hanno fatto formazione e sono cresciuti molto”. Restano comunque numerosi i casi sommersi.

“Non possiamo pensare che non ci sia un sommerso. Questo è dato non solo da chi non ha ancora la forza e il coraggio di denunciare, ma nche da quelle donne le cui situazioni non arrivano a noi attraverso i canali sanitari o dei servizi. Abbiamo donne che, per esempio, svolgono lavori precari che non danno diritto all’assistenza, o che restano nell’ombra per paura di perderlo il lavoro.

Un esempio possono essere le badanti. Loro stesse possono essere vittime o anche autrici di maltrattamenti. Ci sono i soggetti deboli, gli anziani, i disabili… si sta lavorando per creare una consapevolezza diffusa dei servizi e delle tutele che vengono date. Fino ad oggi, elemento non secondario per una piccola comunità come la nostra, i servizi hanno garantito una privacy ineccepibile, dato ed è fondamentale per la delicatezza dei casi e per la fiducia che chi trova il coraggio di segnalare deve avere nelle autorità che se ne occupano”.

Nella serata di venerdì è stato posto l’accento anche sul ruolo di San Marino nei consessi internazionali sui temi che riguardano la discriminazione e la violenza di genere. “A San Marino il problema preponderante è quello della violenza domestica, ma non si può trascurare il ruolo del nostro Stato nelle sedi internazionali. Anche da noi ci sono donne migranti, che provengono da culture e paesi diversi. Dobbiamo avere consapevolezza che ci sono paesi in cui alle donne è vietato andare scuola, i casi delle sposano bambine, dell’infibulazione genitale.

Situazioni sulle quali anche San Marino ha voce in capitolo in ragione proprio della sua collocazione negli organismi internazionali”, conclude Monica Michelotti.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy