San Marino.”Quello che le donne non dicono… purtroppo!”

“Quello che le donne non dicono… purtroppo!”

Inizia in questo modo una riflessione di Cinzia Casali, Funzionaria FUPI-CSdL, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne. “Quello che le donne non dicono, spesso, troppo spesso, è il trattamento che tante volte viene loro riservato in molti ambiti di una società che si definisce moderna ma che non le tutela abbastanza, in quanto è ancora di tipo patriarcale. Una società che non considera le donne come un valore assoluto ma come un ammortizzatore sociale.

Il potenziale femminile è ad ampissimo raggio, nella vita privata come in quella lavorativa ed in quella sociale, dove è doveroso mettere in campo le condizioni ideali per fare emergere le capacità di leadership e mediazione che sono insiti nelle donne.

Vorremmo luoghi per vivere in situazioni paritetiche con tutti gli altri esseri umani. Abbiamo necessità di essere operative, attive e rivestire ruoli dove, siamo certe, possiamo gestire e risolvere problemi con professionalità eccelsa; posizioni dirigenziali e di altissima responsabilità che, fino ad ora, sono ancora troppo spesso ad appannaggio del genere maschile.

Abbiamo, come tutti, bisogno di essere considerate, amate e rispettate, nelle varie fasi della nostra complicata vita. Non vogliamo più che quello che le donne non dicono sia: mi hanno picchiata, mi hanno stuprata, mi hanno licenziata perché incinta…

Non ci basta essere riconosciute e celebrate in una o due giornate dell’anno e guarda caso perché qualcuno o qualcosa ci ha uccise. Esigiamo e pretendiamo che la collettività, lo Stato e gli uomini ci valorizzino e ci sostengano riconoscendoci il merito e non solo la bellezza fisica.

Vogliamo che la società e le leggi ci tutelino, per dare il meglio di noi e non per ostacolarci, maltrattarci fisicamente e psicologicamente, fino ad arrivare addirittura ad ucciderci…”

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy