San Marino, referendum: ‘E io pago’. ll punto di Paolo Forcellini, Lo Stradone

Paolo Forcellini – Lo Stradone: E io pago

Il referendum costerà allo stato sammarinese 275.000 euro, così suddivisi

105.000 euro per le spese stampa, spese di spedizione e materiale seggi elettorali.

50.000 euro l’allestimento e smontaggio dei seggi elettorali.

45.000 euro per gli addetti ai seggi come gettone di presenza.

18.000 euro per ristorazione del personale addetto alle varie operazioni elettorali.

12.000 euro per servizi di comunicazione e trasmissione dati e delle operazioni elettorali.

5.000 euro per piccole spese urgenti ed impreviste sostenute dal Capo dell’Ufficio Elettorale di Stato.

Per il referendum sono stati nominati 50 presidenti e 102 scrutatori, più i rispettivi sostituti.



Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy