Scudo fiscale: lo lanciano gli Usa. Stati come San Marino forse non contrari

Gli Stati Uniti, secondo il Wall Street Journal, starebbero per offrire ai cittadini ‘ un accordo fiscale non punitivo a chi ammetterà entro 24 settimane di aver occultato denaro su conti esteri‘. Ovviamente l’Italia, esperta in ‘scudi fiscali’, sarebbe d’accordo.
Ne tratta Luca Spinelli (la notizia.ch).
Secondo Spinelli la strategia statunitense ‘ sarà probabilmente accolta con molto favore dalla Svizzera e dagli altri paesi sotto pressione per la questione del segreto bancario (Monaco, Andorra, Austria, San Marino, Liechtenstein, Lussemburgo…), in cambio di un allentamento delle tensioni internazionali.

Questo il commento di Angel Gurria, segretario generale dell’Ocse: ‘Non conosco alcun ministro delle Finanze che non creda che si tratti di una cosa terribile da fare, ma che non capisca anche che forse è la cosa migliore da fare o la sola cosa da fare.‘.
San Marino il 24 marzo ha comunicato al Sig. Gurria

l’impegno ad accettare lo standard Ocse per lo scambio di informazioni come
già aveva fatto la Svizzera il 13 marzo.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy