Sergio Zavoli al Rotary Club

A San Marino, in occasione della conviviale del Rotary Sergio Zavoli, è tornato non solo per un viaggio nella memoria ma per testimoniare un’ amicizia che consente saggi e attuali consigli.
Profondo conoscitore di questo paese, ha dipanato il filo di un rapporto che lo lega al Monte dai tragici momenti della guerra ed è proseguito con la Presidenza della San Marino RTV e l’impegno politico e parlamentare nel Senato, nelle problematiche del rapporto Italo- Sammarinese.

L’occasione era l’ingresso nel Rotary Club di San Marino, di Giovanni Michelotti ( socio onorario) e del Prof.Vincenzo Tagliaferro già del Club di Fabriano e che ora vive la nostra realtà come Direttore della Banca di San Marino.

La serata ha avuto fra gli ospiti il Segretario agli Esteri, Antonella Mularoni, il Dott. Giancarlo Ghironzi, medico e amico personale del Senatore, Il Dott. Carlo Cosentino, commissario amministrativo dell’ Ambasciata d’Italia, l’ing. Renato de Chiara, Dirigente Rai e grande amico della nostra Repubblica .

Zavoli è un maestro indiscusso del giornalismo italiano. Ha inventato l’inchiesta televisiva, ha diretto la Rai, ha scritto decine di saggi di successo, ma si accontenta del semplice titolo di “cronista”. Dal grande mestiere di Sergio Zavoli, da una sensibilità e comunicativa senza pari, è nata un’affabile conversazione che parte dal racconto delle guerra che ha raso al suolo la sua Rimini, lo scampo con la famiglia a San Marino, quando i nostri concittadini seppero dimostrare cosa significhi la parola solidarietà. Ecco affacciarsi i ricordi del conduttore del “Processo alla tappa” protagoniste le grandi e piccole storie di campioni e gregari raccontate al traguardo del Giro. Qui ritrova Giovanni Michelotti, allora responsabile della competizione, per una vera amicizia fra romagnoli che continua con un’assidua frequentazione nel tempo. Agli amici sammarinesi raccomanda moderazione e saggezza: “Ripartire dalle rispettabili e sagge istituzioni , dall’ orgoglio statuale, dal senso della sovranità, valori che traghetteranno il paese anche in questa fase pericolosa. C’è un vero “tesoretto” sammarinese da custodire, il patrimonio più grande, quello realizzato coltivando la vostra vita e i vostri progetti …la ricchezza è quella guadagnata con le proprie forze, con le vostre professionalità. Non cercate per San Marino un destino di paese di Bengodi, non sarebbe onorevole. Solo il normale è poetico, dice un poeta , San Marino non deve perdere la sua normalità.

Ultimo regalo per un uditorio attento e coinvolto. Prendendo spunto da una domanda su “il Socialista di Dio” e sull’ultima fatica letteraria “Eclisse di Dio o della Storia”, Sergio Zavoli ci lascia una suggestiva, poetica conversazione sulla vita, sulla fede,sulle religioni e sulla morte.

Al termine della serata il presidente del Club ,Sebastiano Ciacci ha consegnato a Sergio Zavoli, il Paul Harris Fellow , riconoscimento rotariano alla professionalità per l’ apporto significativo nel promuovere una migliore comprensione reciproca e amichevoli relazioni fra i popoli.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy