Setalux approda all’Interno4. Venerdì sera incontro con Simona B. Lenic, autrice del romanzo candidato al Bancarellino 2008

Appuntamento nel cuore del centro storico di Rimini questa sera – venerdì 11 luglio – per Simona B. Lenic, autrice del romanzo “Setalux”, pubblicato da Barbera Editore. La scrittrice riminese sarà ospite della libreria Interno4, in via Di Duccio 26, dietro Piazza Malatesta, prima uscita pubblica dopo il “salotto” di Cattolica nell’ambito della Notte Rosa.

Setalux, romanzo d’esordio di Simona B. Lenic, è un fantasy – diverso dai soliti – apprezzato dalla critica e candidato tra i 20 semifinalisti per il premio Bancarellino 2008, uno dei riconoscimenti letterari più prestigiosi d’Italia.

Di cosa parla Setalux? Molto semplicemente è la storia di quattro ragazzi, quattro amici adolescenti che si trovano ad avere a che fare con una missione delicata e molto difficile: risvegliare l’immenso potere del Setalux e portare la luce della conoscenza in un mondo che, preso dalla frenesia di una società che si è sviluppata all’insegna dell’arrivismo, della superficialità, dell’egoismo, sta andando lentamente smarrendosi. Per sempre. Anche in questo brevissimo riassunto della trama del romanzo è possibile cogliere il significato profondo che permea la storia, un “fantasy” particolare appunto perché non si tratta dell’ormai “banale” scontro tra il bene e il male. Certo, ci sono anche i cattivi – e che cattivi – ma a fare la differenza (anche tra un buon romanzo e una storia normale…) sono le sfumature. E in Setalux ci sono venature che si possono seguire fino in profondità, anche se è possibile divertirsi semplicemente cavalcando in superficie l’incalzante evolversi delle avventure dei quattro protagonisti e del bizzarro mondo (per lo più fatto di adulti “tosti”) che li circonda.

Due parole sui quattro quindicenni protagonisti di Setalux. Matt è il bel tenebroso del gruppo. Ha un segreto che custodisce nel profondo dell’anima perché lo spaventa: nelle sue vene scorre infatti inchiostro, il retaggio della sua antica stirpe, che lo porterà all’onniscienza. E l’onniscienza è un dono che non può non atterrire, per il peso che porta con sé. Poi c’è Joshua, che riesce a trasformare il mondo in un fumetto (così è tutto un po’ più bello), e Leon che con i suoi genitori, esploratori, ha sempre viaggiato per i Mondi Sospesi. Infine c’è Sfaira, la ballerina, molto vivace, tutt’altro che perfettina ma dolce e pronta a tutto per i suoi amici. I quattro si muovono e agiscono in un mondo assolutamente simile alla nostra società contemporanea, tra gelati e compiti in classe, giri in motorino e concerti rock, ma in cui emergono talvolta situazioni molto particolari. Insomma, personaggi e una storia a cui ci si affeziona facilmente.

Ufficio Stampa Lp

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy