Sicurezza a San Marino: manca il collegamento con il Ministero degli Interni italiano

La notizia pubblicata da L’informazione di San Marino ha dell’incredibile.
I sammarinesi sono da anni preoccupatissimi per il notevole incremento del numero dei furti presso aziende, locali pubblici e civili abitazioni.

Da anni si susseguono riunioni su riunioni fra politici e comandanti dei tre corpi (Gendarmeria, Polizia Civile e Guardia di Rocca) che terminano immancabilmente col proposito di un maggior coordinamento e con la richiesta dell’ampliamento degli organici.

È stata costituita anche una sezione dell’Interpol con tanto di comandante ad hoc e struttura amministrativa.
Gli addetti alla sicurezza ammontano a 250 unità su una popolazione di 31mila abitanti e un territorio di 61 Kmq.

Il nuovo governo della Repubblica di San Marino ha impegnato una intera mattinata lunedì 29 dicembre per concludersi col solito richiamo al coordinamento e col solito proposito di prendere in considerazione l’introduzione di telecamere ai confini.
Infine, grazie a L’Informazione di San Marino, si scopre che ‘i corpi di polizia sammarinese non hanno più il collegamento con il terminale Ced – centro elaborazione dati – del Ministero degli interni italiano. Banca dati, questa, che registra nomi, dati e foto dei pregiudicati d’oltre confine.‘ Per cui per le forze dell’ordine sammarinesi è impossibile sapere se ‘una persona sospetta fermata anche per un normale controllo abbia o meno dei precedenti‘.

Ancor più incredibile apprendere che ‘ in passato questo accesso era possibile da parte della gendarmeria‘ e che da diversi anni detto collegamento non c’è più.
A questo punto diventa indispensabile un chiarimento da parte di Valeria Ciavatta, Segretario di Stato per gli Affari Interni.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy