Sinistra Unita tenta un ripensamento sui giochi a San Marino

A San Marino, Sinistra Unita e Partito dei Socialisti e dei Democratici in fatto di giochi per mesi sono parsi aver lasciato delega in bianco ad Alleanza Popolare.
Lo si è visto per Rovereta: vicenda Cogetech e, soprattutto, coinvolgimento della Camera di Commercio.
Lo si è visto nel caso Grandoni: scambi di epiteti ed allusioni proprie di chi è abituato a non avere terzi fra i piedi.
Lo si vede con Casinos Austria: i rapporti sono gestiti, per così dire, quasi in forma privata.
A dir il vero Sinistra Unita una mossa l’ha fatta. Con un comunicato, emesso una decina di giorni fa, ha tentato di stoppare i giochi sfoderando – si fa per dire – un cavillo: ‘che non si parli di nuove concessioni fino a quando non sarà data completa attuazione alla legge di istituzione dell’Ente Giochi che prevede la creazione della rete di controllo telematico fra le sale operanti e lo stesso Ente‘!
Reazioni? Nessuna. Il che induce a pensare che si andrà avanti come prima – chi in silenzio, chi ogni giorno sui media – per fare di San Marino la Repubblica del Gioco d’Azzardo.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy