Su San Marino, nuovo giro di vite dall’Italia

L’Informazione di San Marino titola: Black list nuovo giro di vite “inibisce” gli investimenti / Il fisco vuole controllare anche aziende collegate a una casa madre italiana nonostante abbiano una stabile organizzazione in un paese a fiscalità privilegiata e  intrattengano rapporti con soggetti di quello stesso paese

Nuovo giro di vite collegato al  decreto sulla black list che, di  fatto, inibisce investimenti e  stabilimento di aziende collegate  a “case madri” italiane in  paesi a fiscalità privilegiata. Lo  chiarisce l’Agenzia delle entrate  dando una interpretazione  di fatto estensiva del decreto che obbliga alla comunicazione  telematica.

Lo chiarisce una  nuova circolare.  “Non importa se nel Paese non  c’è Iva, il Fisco va informato  delle operazioni della stabile  organizzazione – si legge in  un articolo a firma Anna Maria  Badiali su “Nuovo Fisco  Oggi”, l’organo di informazione  dell’Agenzia delle entrate – La  società passiva ai fini Iva, residente  in Italia, è obbligata alla  comunicazione telematica delle  cessioni e prestazioni di servizi  effettuate o ricevute dalla sua  stabile organizzazione, con  sede in un Paese a fiscalità  privilegiata, nei confronti o da  parte di operatori economici ivi  residenti.     

 

Guarda le previsioni meteo di N. Montebelli

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy