Sulla relazione del Segretario Arzilli sulla economia

Per uscire dalla crisi serve la collaborazione di tutti gli attori in campo. Questo il motivo della creazione del tavolo tripartito (governo-sindacati-associazioni di categoria) che darà “indicazioni precise e valide per i prossimi anni”. Il segretario di Stato per l’Industria, Marco Arzilli presenta oggi in aula la sua relazione sullo stato dell’economia sammarinese e sulle strategie individuate dalla maggioranza per il suo rilancio. Strategie che coinvolgono la politica estera e gli accordi con l’Italia e un nuovo appeal sugli investimenti. Ma anche la riforma fiscale, della Pubblica amministrazione e più in generale, nuove leggi, il turismo e il commercio. E il sistema finanziario, che deve puntare alla qualità e all’innovazione, con un occhio particolare alle assicurazioni. Nella sua relazione Arzilli parte dai dati, che parlano di una San Marino toccata pesantemente dalla crisi internazionale. A marzo i disoccupati erano 598, quasi 200 in piu’ rispetto allo scorso anno, e i dipendenti in cassa integrazione 1.815, quasi 1.500 in piu’. Dati che non fanno sorridere, in particolar modo il settore manifatturiero. La ricetta per reagire, spiega Arzilli, passa attraverso un coordinamento continuo tra le segreterie di Stato e gli attori economici. Sono “imprescindibili” i rapporti con l’Italia e l’Unione europea, ma anche rendere piu’ efficace la macchina pubblica. Il governo, prosegue, punta molto anche sulle infrastrutture: diversi i progetti in ballo, dalla strada di Fondo Valle (apertura cantieri a settembre), a collegamenti con l’esterno alternativi. E ancora: scuole e riqualificazione dei centri storici.(SEGUE) Infatti, altro cardine su cui basare lo sviluppo e’ il turismo, ora come ora in “costante flessione”. Per questo si pensa anche a sfruttare i prodotti tipici sammarinesi, facendo del Titano una meta gourmet. “Il governo – conclude Arzilli- vuole traghettare il Paese fuori dalla crisi e ridare ai cittadini e agli imprenditori prospettive di sicurezza, benessere, legalità, trasparenza, autorevolezza e orgoglio”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy