Tomassoni (Psd) sulla revoca del console di San Marino gay

Mirko Tomassoni, Partito dei Socialisti e dei Democratici (coalizione Riforme e Libertà, minoranza in Consiglio Grande e Generale) interviene sulla revoca del console di San Marino, Federico Podeschi, gay dichiarato.

Il botta e risposta apparso recentemente tra il Segretario di Stato e l’ex Console Federico Podeschi, in ordine a vere o presunte discriminazioni nei confronti di quest’ultimo per il suo orientamento sessuale, mi porta ad osservare che nella Convenzione del Consiglio d’ Europa per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (http://www.echr.coe.int/NR/rdonlyres/0D3304D1-F396-414A-A6C1-97B316F9753A/0/ItalianItalien.pdf), all’art.8 comma 1 si dice “Ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata….” e al comma 2 “Non può esservi ingerenza di una autorità pubblica in tale diritto a meno che tale ingerenza sia prevista dalla legge e costituisca misura per la sicurezza nazionale….:” Mentre all’art.14 c’è l’articolo che si intitola “Divieto di discriminazione” e parla chiaro anche sul sesso.

Vedi comunicato Mirko Tomassoni

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy