Una marcia per la pace a San Marino contro le ostilità tra Russia e Ucraina

Una marcia per la pace nella Repubblica di San Marino con l’obiettivo di fermare il conflitto in Ucraina.

L’ha ideata la Centrale sindacale unitaria, che attraverso un comunicato invita i cittadini, le forze politiche e le associazioni di San Marino “a partecipare alla marcia per la pace, per fermare il conflitto in Ucraina, in programma sabato 26 febbraio, con ritrovo alle ore 16 a San Marino Città al Bar Carlo (Parcheggio n. 2), e alle ore 16.15 partenza del corteo per le vie del centro storico fino a Piazza della Libertà”.

Sarà “una manifestazione in difesa della pace per chiedere la cessazione delle ostilità tra la Russia e l’Ucraina, e per impedire una ulteriore escalation del conflitto, dopo che nella notte tra il 23 e il 24 febbraio l’esercito russo ha attaccato il territorio ucraino”.

Una guerra che, a detta del sindacato sammarinese, “ha già provocato morti e distruzione, e che rischia di assumere proporzioni ben più grandi, coinvolgendo anche le alleanze militari internazionali”.

Csu chiede apertamente al governo e ai canali diplomatici della Repubblica di San Marino di “attivarsi presso le sedi internazionali per fermare la guerra, ridurre la tensione e promuovere un accordo politico tra tutte le parti“.

“Vogliamo lasciare a voi giovani un futuro senza conflitti; pertanto vi invitiamo calorosamente a partecipare per dare più forza a questa richiesta di pace, per dare sostegno alla via del dialogo e della diplomazia, e per impedire che l’Europa possa diventare teatro di un nuovo sanguinoso conflitto armato. Mai più guerre! Né in Europa, né in nessun’altra parte del mondo! Chi può porti la bandiera della pace e/o simboli pacifisti”, dice infine la Centrale sindacale unitaria.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy