giovedì 23 luglio 2015 19:35

San Marino tirato in ballo per il clan Mazzarella, camorra. 96 milioni di euro

San Marino tirato in ballo per il clan Mazzarella, camorra. 96 milioni di euro

LaPresse.it:  Roma, sequestri per 96 milioni a 37 persone per una truffa internazionale

La guardia di finanza di Roma, coordinata dalla procura di Napoli, sta eseguendo su tutto il territorio nazionale il sequestro di beni mobili e immobili per un valore complessivo di 96.327.534,80 euro. I beni sono riconducibili a 37 soggetti, prevalentemente cittadini italiani, accusati di far parte di un'associazione a delinquere transnazionale dedita alla commissione di una colossale frode 'carosello' all'Iva comunitaria: avrebbero introdotto sul territorio nazionale ingenti quantitativi di cd e dvd vergini, destinati sia alla criminalità partenopea che alla grande distribuzione. Il sequestro nasce da un'indagine sull'ala del clan camorristico Mazzarella specializzata nella pirateria audiovisiva. Per realizzare l'evasione dell'Iva, il gruppo criminale si avvaleva anche di una vasta rete di intermediari costituita da persone giuridiche con sedi strategicamente dislocate in Paesi a fiscalità privilegiata: Jersey, Svizzera e Repubblica di San Marino.

I supporti audiovisivi vergini, prevalentemente a marchio Verbatim, erano di fatto destinati ad alimentare il mercato italiano evadendo le imposte Iva e Ires. Tra i destinatari dei sequestri ci sono infatti anche i vertici pro tempore della 'Verbatim Italia', due noti imprenditori toscani, oltre a commercialisti, consulenti tributari, e diversi imprenditori. I beni sequestrati individuati in Toscana, Emilia Romagna, Lombardia, Campania, Lazio, Puglia sono numerosi conti correnti, quote di fondi di investimento, obbligazioni finanziarie, immobili e autoveicoli. (...)