venerdì 20 ottobre 2017 19:43
COMITATO AMMINISTRATORE FONDISS

San Marino. Fondiss: Bcsm era delegata a fare investimenti solo in banche sammarinesi

San Marino. Fondiss:  Bcsm era delegata  a fare investimenti  solo in banche sammarinesi

Il 1° luglio 2018 la somma di € 52.820.000,00 maggiorata di interessi, ritornerà nella piena disponibilità di Fondiss

SAN MARINO. Fondiss precisa  con un comunicato di non aver assolutamente dato autorizzazioni  a Banca Centrale per  investire le somme lì depositate in un modo o in un altro, riconfermando comunque che queste dovevano rimanere all'interno del sistema bancario sammarinese.  

COMITATO AMMINISTRATORE FONDISS
San Marino, 20 ottobre 2017/1717 d.F.R.
Prot. N. 715/2017/FONDISS
Agli Onorevoli Membri del Governo
In qualità di Presidente uscente, per termine mandato, informo che Fondiss non ha effettuato alcuna forma di investimento dal 31/03/17 [http://www.iss.sm/on-line/home/fondiss/bilanci.html;Rendiconto e Relazione 2016, sub Evoluzione prevedibile della gestione per l’esercizio 2017, pagg. 10 e 11]; ma ha prorogato sino al 30 giugno 2018 il deposito di tutte le contribuzioni degli aderenti sul c/o 10577 acceso presso la Banca Centrale della Repubblica di San Marino.
Alla data odierna detta somma è pari ad € 52.820.000,00 e viene incrementata dai versamenti mensili delle contribuzioni.
Tale deposito a termine fruttifero presso Banca Centrale è attualmente l'unica forma che consente il rispetto dell'obbligo legislativo di garantire agli aderenti, anche sotto forma di rendita, la restituzione del capitale versato.
E’, pertanto, di tutta evidenza che il Comitato Amministratore di Fondiss non ha assolutamente mai autorizzato in qualsivoglia forma e/o modo, l’impiego dei contributi dei lavoratori che sono stati solo depositati in un apposito conto fruttifero di Banca Centrale.
Le modalità con le quali BCSM impiega e/o investe tutte le somme di cui ha la disponibilità – ivi compresi i depositi di Fondiss – avvengono in completa autonomia e sua conseguente responsabilità, e Fondiss non vi ha alcun ruolo, né possibilità di influenza e/o controllo, anche laddove ciò interessasse somme equivalenti ai propri depositi.
Alla data del 1° luglio 2018 quanto depositato, maggiorato di interessi, ritornerà nella piena disponibilità di Fondiss che solo allora valuterà ipotesi di investimento, oggi circoscritte per legge ai soli istituti bancari sammarinesi.
Grazie allo strumento che il Comitato Amministratore di Fondiss ha voluto fosse a disposizione di ciascun iscritto per favorire la trasparenza e la correttezza del proprio operato, ciascun aderente a Fondiss potrà verificare l'oggettiva rivalutazione del proprio capitale, andando sul sito della Pubblica  Amministrazione ed entrando nella propria pagina personale https://www.autenticazione.pa.sm/idp/Authn/UserPassword.
Con viva cordialità
(Avv. Renato Nibbio, Ph.D.)

Fonte: FONDISS