mercoledì 6 dicembre 2017 16:14
GIUSTIZIA

San Marino. Adesso.sm: 'Il tribunale non ha bisogno di essere difeso dalla politica'

San Marino.  Adesso.sm: 'Il tribunale non ha bisogno di essere difeso dalla politica'

La maggioranza in risposta alla serata sulla giustizia organizzata dalle opposizioni

SAN MARINO. Adesso.sm si esprime a proposito della serata sulla giustizia organizzata dai capigruppo di opposizione. 'Il Tribunale non ha bisogno di essere difeso dalla politica - scrive la maggioranza -, ha bisogno di credibilità, ha bisogno di un clima di fiducia al suo interno, ha bisogno di essere messo dalla politica nelle condizioni di operare nella maniera migliore'.


Lunedì si è svolto un Consiglio Giudiziario in seduta plenaria che, anche per come è stato condotto, dovrebbe aver risolto molti dei dubbi che certe azioni sconsiderate dei gruppi di opposizione degli ultimi giorni possono aver sollevato nella cittadinanza.
Durante la seduta, la parte togata ha potuto visionare la documentazione posta agli atti delle ultime riunioni della Commissione Affari di Giustizia che hanno fatto tanto parlare nei giorni scorsi, nonché i verbali dettagliati delle ultime riunioni.

L'Ordine del Giorno proposto dagli stessi giudici a fine seduta, approvato all'unanimità poi reso pubblico, proprio a dimostrazione che nessuno ha la volontà di fare forzature di alcun tipo – se non chi urla irresponsabilmente al Colpo di Stato – certifica definitivamente la bontà del percorso che i commissari della Commissione Affari di Giustizia all'unanimità avevano identificato per approfondire le problematiche sollevate dal Magistrato Dirigente in merito ai rapporti fra politica e magistratura, nonché ai rapporti all'interno della stessa magistratura.
In quell'Odg si chiede peraltro di aggiornare ogni considerazione ad una prossima seduta proprio per dare a tutti gli assenti la possibilità di partecipare ai lavori, compresi i gruppi di opposizione che – dopo le scomposte dimissioni dei loro membri in diretta radio – si sono rifiutati di nominarne i sostituti, non partecipando al Consiglio del 25 novembre convocato appositamente dalla Reggenza.

Alla luce di quanto deliberato, risulta oltremodo surreale leggere il resoconto della serata sulla Giustizia tenuta dai capigruppo di opposizione.


Leggi comunicato