martedì 4 dicembre 2018 16:01
TUTELA DEL SUOLO

San Marino. Tavola rotonda a difesa del suolo, un patrimonio da salvare

San Marino. Tavola rotonda a difesa del suolo, un patrimonio da salvare

La Segreteria di Stato per il Territorio, l’Ambiente e il Turismo ha organizzato per Mercoledì 5 dicembre alle ore 11.00 presso Palazzo Graziani, una Tavola Rotonda con la partecipazione dell’Ufficio Gestione Risorse Ambientali e Agricole, delle Associazioni di Categoria e di altri ospiti esperti in materia ambientale. Un momento di confronto a cui la cittadinanza è caldamente invitata a partecipare

SAN MARINO Il 5 Dicembre si celebra la Giornata Mondiale della Tutela del Suolo (World Soil Day), nata dall'iniziativa delle Nazioni Unite di sottolineare l’importanza della tutela del suolo.

[c.s.] La Repubblica di San Marino non manca all’appello, unendosi con convinzione alla celebrazione di questa giornata, simbolo dell’amore per la natura e del rispetto per l’ambiente e il suolo e  per la quale Gli Eccellentissimi Capitani Reggenti ed il Segretario di Stato per il Territorio, l’Ambiente e il Turismo Augusto Michelotti, unitamente, coglieranno l'occasione  per lanciare alla cittadinanza un messaggio per la sensibilizzazione  e il rispetto del suolo.

Il principale obbiettivo della FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura) è far sì che i più importanti settori della società civile, Industria, Agricoltura, Trasporti, Settore Minerario , Gestione Rifiuti, abbiano come scopo comune quello di prevenire e diminuire l'inquinamento dei suoli e mantenerlo sano.

Questo è fondamentale per raggiungere la maggior parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile: ridurre la povertà, la migrazione e l'abbandono delle terre; produrre cibo e nutrienti sani, prevenire l’esposizione a sostanze chimiche tossiche, promuovere tecnologie e produzioni industriali che riducano la contaminazione dei suoli e producano invece energie pulite, gestione ecologica dei rifiuti, valorizzare le aree verdi urbane, migliorando così la purificazione delle acque potabili.

Per tutte queste ragioni dobbiamo impegnarci a preservare il suolo e a renderci parte attiva per avviare un grande movimento culturale che restituisca al suolo quel ruolo di primaria importanza che gli spetta di diritto.

Come detto dalla F.A.O. ancora nulla è perduto, ma si può fin da ora agire per prevenire e poi raggiungere gli obbiettivi utili ad un concreto sviluppo sostenibile ed essere tutti noi "la soluzione all'inquinamento del Suolo".