giovedì 2 maggio 2019 10:20
TRASPORTI

Monorotaia: bocciato da Michelotti, De Simone ci prova con Forlì-Cesena

Monorotaia: bocciato da Michelotti, De Simone ci prova con Forlì-Cesena

Monorotaia: bocciato da Michelotti, De Simone ci prova con Forlì-Cesena 

Tramontata l'ipotesi di collegamento con San Marino, l'architetto De Simone ora ha presentato il progetto al presidente Unindustria Forlì-Cesena, Maremonti ed al presidente della Camera di Commercio della Romagna, Zambianchi, per collegare Forlì-Cesena con la monorotaia sopraelevata del gruppo svizzero INTAMIN. Il people mover è una sorta di metropolitana di superficie, una sopraelevata per collegare i due capoluoghi come già si fa a Bologna, tra stazione e aeroporto. 

 

Doveva essere un collegamento veloce tra San Marino e Rimini la monorotaia ipotizzata fin dalla campagna elettorale dal Governo targato Adesso.sm che poi si era tradotta nella proposta dell'avvenieristico "people mover" dell'architetto padovano Fernando De Simone, specializzato proprio in trasporti, tunnel, costruzioni sotterranee e sottomarine. Lo studio di fattibilità era stato oggetto di dibattito istituzionale, ma anche di studio da parte di tecnici e professionisti, era stato presentato al Segretario al Territorio Augusto Michelotti, al sindaco di Rimini Andrea Gnassi, a Fabrizio Moretti, presidente della Camera di Commercio, e all'amministratore di Airiminum Leonardo Corbucci.

Martedì scorso però, in commissione Territorio il segretario di Stato Augusto Michelotti ha comunicato di aver messo in 'pausa', temporaneamente, l'idea della monorotaia. Michelotti ha infatti spiegato che, a causa di "complicazioni", è stato abbandonato il progetto con la società "Sky Way". Ci sono state delle difficoltà e mancavano delle garanzie relative alla realizzazione dell'infrastruttura e che si sta ragionando su un'altra idea: una stazione per dirigibili di nuova concezione su un progetto americanoa Torraccia che l'Usot aveva commentato come una decisione di buon senso.  "La nuova gestione del World Trade Center di Dogana ha illustrato alle associazioni ed avanzato - spiega il presidente uscente Riccardo Vannucci -  una proposta molto interessante per trasformare il territorio di Torraccia in una vera e propria aerostazione per dirigibili di moderna progettazione Americana che possono atterrare e decollare dal nostro territorio creando una via alternativa per raggiungere San Marino da qualsiasi luogo al mondo. La proposta creerebbe un notevole indotto."

Tramontata dunque l'ipotesi di collegamento con San Marino, l'architetto De Simone ora ha presentato il progetto al presidente Unindustria Forlì-Cesena, Maremonti ed al presidente della Camera di Commercio della Romagna, Zambianchi, per collegare Forlì-Cesena con la monorotaia sopraelevata del gruppo svizzero INTAMIN da costruirsi con il Project Financing. È previsto il collegamento fra: casello autostrada Forlì-Stazione FS Forlì- Aeroporto Ridolfi- Stazione FS Cesena-casello autostrada Cesena. Il people mover è una sorta di metropolitana di superficie, una sopraelevata: a parlarne per primo è stato il presidente di Confindustria Forlì-Cesena Andrea Maremonti, che ha lanciato la proposta ai prossimi sindaci di Forlì e Cesena. L’idea sarebbe collegare i due capoluoghi come già si fa a Bologna, tra stazione e aeroporto. 
Tempo di realizzazione 3 anni - Costo €370 milioni - Velocità massima 80 Km/h- La capacità di trasporto è di 1200 persone ora per direzione (estendibile a 10.000). In tal caso sarebbe più difficile trovare degli investitori interessati al potenziamento dei collegamenti fra l'aeroporto di Rimini e San Marino.