mercoledì 31 luglio 2019 08:33
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Divieto di balneazione ma il mare è trasparente: scoppia il finimondo

Rimini. Divieto di balneazione ma il mare è trasparente: scoppia il finimondo

Divieto di balneazione ma il mare è trasparente: scoppia il finimondo

Bagnini e amministratori contro i prelievi dell’Arpae

MARIO GRADARA. BAGNI vietati ma il mare è pulito. Scoppia il finimondo. «Hanno fatto i prelievi di campionamento lunedì quando c’era il divieto di balneazione dopo le forti piogge di domenica – attacca Mauro Vanni, presidente della cooperativa bagnini di Rimini sud. Oggi abbiamo un’acqua trasparente e pulitissima, si vedono pesci e granchi, eppure dalle 13 è scattato il divieto di fare il bagno. I bagnini sono arrabbiatissimi. I prelievi avrebbero dovuti farli prima di domenica, visto che il maltempo era ampiamente annunciato». Il divieto temporaneo va dalla zona del porto a Miramare. Oltre metà del litorale di Rimini. Divieto a firma del sindaco Renata Tosi anche per lo specchio acqueo di Fogliano Marina e rio dell’Asse sud, dopo i prelievi fatti da Arpae lunedì. Ieri nuovo campionamento, i cui esiti saranno resi noti domani. «Il divieto temporaneo con parametri difformi per consentire la balneazione – recita una dura nota del Comune di Riccione – non è dovuto ad aperture di impianti di sollevamento o a problematiche di rete tali da giustificare simile divieto. A tal proposito si aprirà un confronto con Ausl e Arpae per fare chiarezza». (...)

Tratto da Il Resto del Carlino