mercoledì 24 giugno 2020 07:51
RASSEGNA STAMPA

Rimini. Soffocata la moglie "per amore"

Rimini. Soffocata la moglie

I farmaci non sono stati sufficienti: soffocata con il sacchetto o il cuscino

ANDREA ROSSINI – Insufficienza respiratoria acuta, compatibile con un’asfissia. Le prime informazioni fornite dall’autopsia sulla salma di Luisa Bernardini fanno propendere gli investigatori per l’ipotesi di un verosimile soffocamento meccanico successivo all’assunzione dei farmaci. Si spiegherebbero così anche le piccole lesioni traumatiche al naso e attorno alla bocca. Bisognerà attendere l’esito delle analisi sui campioni tossicologici e successivi accertamenti, più approfonditi, prima di arrivare alle conclusioni. L’ipotesi è che il marito, una volta resosi conto che i farmaci non erano sufficienti a provocare la morte abbia utilizzato un cuscino o lo stesso sacchetto che poi ha cercato di usare su se stesso per completare quello che aveva in mente. Un atto violento per un gesto che lui stesso in uno dei biglietti lasciati in casa ha definito “d’amore”. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

------

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all'IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782