Ancora sul calo del flusso turistico

COMUNICATO STAMPA

Continua la campagna di disinformazione relativa ai dati sui flussi turistici di San Marino.


L’inutile e Costoso Osservatorio Turistico continua a dare in pasto alla pubblica opinione numeri senza alcun senso, mettendo in rilievo di volta in volta segmenti di settore, dati parziali e quanto più gli fa comodo.


Come tutti ben sanno, e i commercianti più di ogni altro, i numeri che contano sono invece quelli complessivi. E questi, come più volte abbiamo denunciato, condannano in modo inappellabile le politiche turistiche degli ultimi anni e le entità attorno ad esse create con l’obiettivo di fare da grancassa a ciò che invece è fallimentare.

La realtà è che negli ultimi 10 anni sono stati persi 1.000.000 di visitatori. Una debacle di proporzioni enormi! Ed è perfettamente inutile nascondersi dietro scuse francamente pietose, quali, ad esempio, l’avvenuta modifica dei sistemi di rilievo dei flussi turistici, di cui abbiamo tenuto conto e che nella migliore delle ipotesi conferma il trend assolutamente negativo.

Il piatto piange! Per rendersene conto è sufficiente scambiare qualche opinione con coloro i quali ogni giorno si misurano con la dura realtà del commercio turistico sammarinese, oppure, se troppo impegnativo per chi campa di sole statistiche, leggersi le risultanze dello Studio Ambrosetti.

Francamente non riusciamo a comprendere l’ostinazione nel nascondere lo stato dei fatti e delle cose posto in atto da chi invece dovrebbe richiamare noi tutti ad un sano realismo.

D’altronde se non si conosce esattamente la malattia, come sarà possibile porvi rimedio?

E che il turismo sammarinese sia malato non c’è dubbio ed è stupefacente anche il grado di tolleranza e di sopportazione dimostrato in certi casi dalle stesse Organizzazioni di Categoria.

E’ necessario reagire se vogliamo davvero che le cose non precipitino in modo irreversibile e si possa salvare un fondamentale settore dell’economia sammarinese.

Per quanto ci compete, noi del Nuovo Partito Socialista, intensificheremo la nostra azione tesa a sensibilizzare gli operatori del turismo e i cittadini; a fornire elementi di conoscenza; a ribadire l’inutilità, purtroppo molto costosa e pagata con i soldi di tutti i cittadini, di organismi come l’Osservatorio Turistico della Repubblica di San Marino.

San Marino, 16 Aprile 2007


L’UFFICIO STAMPA.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy