Ap sull’uscita di San Marino dalla black list italiana

L’uscita dalla black list rappresenta la conclusione di un lungo percorso durante il quale il nostro Paese ha prodotto un notevole sforzo per diventare un interlocutore affidabile nel rapporto con l’Italia e la comunità degli Stati.

Se l’adeguamento ai parametri internazionali e il recupero di una credibilità che passati governi avevano compromesso è il risultato di provvedimenti la cui adozione iniziò nel giugno 2008 e si è conclusa in questa legislatura, è stato il Governo del Patto a compiere il lavoro più impegnativo e gli atti fondamentali – come la sottoscrizione degli accordi con la Repubblica Italiana – che hanno consentito il raggiungimento di questo obiettivo.

In virtù di tutto ciò, Alleanza Popolare intende ringraziare Antonella Mularoni che, nella veste di Segretario di Stato per gli Affari Esteri negli anni più difficili della nostra storia recente, è stata determinante per la normalizzazione dei rapporti con l’Italia, l’uscita dalla lista grigia dell’OCSE e dalla procedura rafforzata Moneyval. Per l’impegno profuso e la sua personale credibilità, oggi possiamo godere finalmente di una condizione di “nuovo rispetto” da parte degli altri Paesi, condizione che non può essere più compromessa da atti e comportamenti che hanno caratterizzato in negativo il “sistema San Marino” per un lungo arco di tempo.

Alleanza Popolare invita dunque il Governo e i partiti di maggioranza alla massima attenzione affinché il traguardo raggiunto non venga inficiato dai colpi di coda dei residui di un’economia distorta che tanti danni ha procurato alla nostra Repubblica.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy