Banca Centrale di San Marino: interpellanza opposizione su emolumenti

I Consiglieri Felici, Crescentini, Foschi e Giovanni Lonfernini hanno depositato oggi  – presso la Segreteria Istituzionale – la seguente interpellanza:
INTERPELLANZA
A seguito di quanto definito nell’articolo 76 Legge 194/2010 e articolo 72 Legge n. 168/2009, i compensi/gettoni/rimborsi per i componenti degli organismi istituzionali sono oggetto di riduzione.
La Repubblica di San Marino sta vivendo purtroppo una profonda crisi economica ed e’ altresì rilevante, in questa particolare fase, il considerare con attenzione l’importo erogato per ricoprire talune funzioni istituzionali.
La Presidenza e la Direzione Generale della Banca Centrale della Repubblica di San Marino sono due ruoli istituzionali estremamente rilevanti.
Banca Centrale, in quanto autorità di vigilanza sul sistema bancario e finanziario sammarinese, svolge infatti un compito nevralgico all’interno delle nostre istituzioni.
In questo senso e’ opportuno, come in tutti i sistemi finanziari avanzati, conoscere con precisione gli oneri sostenuti dall’ente per le cosiddette “figure apicali”.
Gli oneri sostenuti dai vigilati per le attività di BCSM, unite a quanto erogato dallo Stato per l’erogazione di una serie di Servizi alla Pubblica Amministrazione (Tesoreria, Esattoria, Consulenza), richiedono massima trasparenza.
Si tratta di una affermazione più volte espressa da questo Governo.
Nonostante ciò ne’ il Congresso di Stato ne’ Banca Centrale hanno divulgato l’importo degli emolumenti percepiti dal Presidente e dal Direttore Generale.
I sottoscritti consiglieri interpellano pertanto per conoscere:
l’importo degli emolumenti (fissi/mensili/annuali) stabiliti per la funzione di Presidente del Consiglio Direttivo di Banca Centrale e gli eventuali benefit / rimborsi;
l’importo degli emolumenti (fissi/ mensili / annuali / premi di produzione) stabiliti per la funzione di Direttore Generale di Banca Centrale e gli eventuali benefit/rimborsi.
Sarebbe inoltre auspicabile che la pubblicità di queste informazioni fosse fatta in modo costante ed istituzionalizzato da Banca Centrale, affinché non vi siano coni d’ombra e speculazioni che possano offuscare il ruolo dell’istituzione.
Inoltre, in considerazione del ruolo svolto di rappresentanza legale dell’istituto, si chiede se al Presidente di Banca Centrale verrà concessa la residenza anagrafica nella Repubblica di San Marino.
I Consiglieri
Claudio Felici
Paolo Crescentini
Ivan Foschi
Giovanni Lonfernini

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy