Basta con la residenze a go-go, dicono i Popolari Sammarinesi

E’ vero che il tema delle residenze è sempre stato caro ai Popolari, che da anni insistono con interventi e proposte di ogni genere, sia politiche che parlamentari. Ed è altrettanto vero che da molto tempo ormai la materia relativa a permessi di soggiorno e residenze anagrafiche non subisce aggiornamenti in linea con la gestione di uno Stato capace di progredire in sintonia con i profondi mutamenti sociali. E’ un dato di fatto che, nel volgere di un decennio o poco più, ci sia stata una profonda evoluzione che ha portato la presenza di forensi sul nostro territorio da poche centinaia, a diverse migliaia di unità.
Situazioni di eccessiva tolleranza, sconfinate troppo spesso perfino nell’illegalità, hanno creato scompensi e difficoltà nella nostra piccola comunità.
Residenze anagrafiche e permessi di soggiorno concessi in maniera troppo discrezionale, talvolta per fini non ben identificabili, hanno sicuramente compromesso la credibilità politica e quella istituzionale, ma soprattutto hanno alterato gli equilibri sociali della nostra piccola comunità. Hanno trasformato, guastato, snaturato, peggiorato i rapporti tra le persone e hanno rovinato perfino molti aspetti della nostra fragile economia e del mercato del lavoro.
Basti pensare a quali proporzioni è arrivato il triste fenomeno degli abusivi, del caporalato, dello sfruttamento indiscriminato di manodopera forense arruolata in condizioni a dire poco disumane.
Chi ha interesse a favorire queste situazioni?
Le quali, lo sappiamo tutti molto bene anche se non ci piace ammetterlo, sono state il terreno di coltura per la piccola delinquenza e per la malavita organizzata. Furti e rapine a danno di istituti bancari, imprese, negozi e abitazioni private, ormai hanno una casistica degna di una metropoli americana. L’ordine pubblico è diventato una vera emergenza.
Tra gli aspetti meno eclatanti, ma non per questo meno distorsivi, della totale anarchia in cui si muove l’ingresso di stranieri in Repubblica, è quello legato alle cosiddette badanti, quasi tutte provenienti dai Paesi dell’Est e che dopo qualche tempo si tirano dietro intere famiglie. Le quali, a loro volta, chiedono il permesso di soggiorno, la casa, la sanità, il lavoro. Magari anche a discapito di giovani famiglie sammarinesi.
Nonostante ciò, il governo di sinistra ha sempre nicchiato a rivedere le regole e ad istituire un vero sistema di controlli, anzi ha cercato di trasformare questo delicatissimo aspetto in un ulteriore business. Non a caso, le residenze sono state uno dei punti sui quali è caduto.
Oggi, di fronte ad una scadenza elettorale che impone nuovi criteri di scelta, lo spartiacque non sono più le ideologie, ma il metodo di fare politica: da una parte, chi vuole conservare il vecchio sistema e tutte le sue manipolazioni antiriformiste e antidemocratiche volte solo al più sfrenato affarismo; dall’altra parte, chi vuole cambiare metodo, contenuti e uomini per dare al Paese una vera chance di cambiamento e di sviluppo. Sarà lì che si andrà alla conta degli uni e degli altri.
La nuova legge elettorale impone “governi politici”, frutto di coalizioni e di programmi condivisi tra le forze politiche che li sostengono; ma soprattutto, capiti, accettati e votati dalla gente. Programmi che dovranno affrontare e risolvere i problemi reali. Come le residenze appunto.

Popolari Sammarinesi

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy