Bellaria: Uomo 36enne picchia la fidanzata e punta pistola finta contro i carabinieri

Lunedì sera un bellariese 36enne ha perso la testa durante una discussione in famiglia.

L’uomo ha picchiato la fidanzata dando vita ad un gran trambusto nell’abitazione.

A chiamare i carabinieri era stato il padre che aveva assistito alla brutta scena.

Il romagnolo 36enne, pensando di spaventare gli agenti alla porta, ha iniziato a sparare verso di loro con la sua pistola giocattolo.

I gendarmi sono riusciti ad entrare all’interno dell’appartamento e hanno trovato l’uomo in forte stato confusionale e con l’arma, dotata di carica a molla per pallini di plastica, in mano.

La fidanzata, nonostante le percosse subite, ha deciso di non denunciare il fattaccio.

L’aggressore, già seguito dal Sert, è stato immediatamente ricoverato con trattamento sanitario obbligatorio.

In ospedale il paziente si è addirittura ribellato e ha minacciato i medici.

Gli operatori sanitari sono stati costretti ad utilizzare strumenti di coercizione ospedalieri per calmarlo.

Fonte: “Nuovo Quotidiano di Rimini”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy